cgil siena

CGIL e UIL: “Poste Italiane deve garantire la sicurezza di chi lavora e di chi fruisce dei servizi”.

By Ufficio Stampa CGIL Siena | 27 Marzo, 2020

CGIL e UIL: “Poste Italiane deve garantire la sicurezza di chi lavora e di chi fruisce dei servizi”.

Siena, 27 marzo 2020 – “Va garantito anche a chi vive in paesi e frazioni il diritto a riscuotere la pensione o a prelevare contante soprattutto dove non c’è ATM o POSTAMAT, mentre è tutt’altro che necessario garantire operazioni come il pagamento di bollettini postali, multe o la rata del mutuo, le cui scadenze sono state posticipate”.

I Sindacati confederali CGIL e UIL, insieme alle rispettive categorie dei pensionati e dei lavoratori postelegrafonici, chiedono a Poste Italiane di decidere e comunicare in modo chiaro quali sono le attività per cui è lecito recarsi agli uffici postali, e quali sono escluse, adeguandosi come ogni azienda agli obblighi stabiliti dai recenti DPCM e salvaguardando chi lavora e chi fruisce dei servizi.

“Ci aspettiamo che il Prefetto faccia rispettare anche a Poste Italiane questi obblighi – sottolineano i Sindacati – anche perché fra l’altro l’Azienda svolge un ruolo d’interesse pubblico e sociale, per cui rientra nei suoi doveri garantire alle persone anziane la possibilità di riscuotere la propria pensione. Consideriamo quindi sbagliato chiudere del tutto, mentre sarebbe opportuno alternare i giorni di apertura, garantendo quel servizio minimo su tutto il territorio di ogni comune. E, al pari di tutti quelli che erogano servizi e sono aperti al pubblico, è doveroso anche per Poste fare filtro agli ingressi e/o valutare la formula dell’appuntamento ed erogare solo prestazioni urgenti ed indifferibili”.

“Questa è in definitiva l’occasione – concludono CGIL e UIL – per fare educazione sanitaria, e organizzare i servizi in modo da evitare assembramenti. All’ufficio postale come al supermercato, infatti, ci si deve andare il meno possibile e solo per motivi indifferibili. In questo senso esortiamo il Prefetto ad intervenire nei confronti di Poste, coordinandosi con i Sindaci ed anche con i Sindacati. Con il buon senso e la buona volontà di tutti è una situazione che si può recuperare”.

Argomenti: CGIL, pensionati, SLC, SPI |

Cgil, Cisl e Uil: dichiarazioni Meloni pretestuose

By Ufficio Stampa CGIL Siena | 26 Marzo, 2020

IL SINDACATO: DALL’ONOREVOLE MELONI ATTACCO PRETESTUOSO, PROPOSTE STRUMENTALI E SBAGLIATE.

L’onorevole Giorgia Meloni in un post su Facebook scrive di presunte violazioni da parte di alcuni sindacati nelle procedure per la richiesta della cassa integrazione previste dal decreto “Cura Italia”. Affermazioni pretestuose per Cgil, Cisl e Uil che invitano la parlamentare a precisare le circostanze e a denunciare alla magistratura eventuali irregolarità di cui dice di essere venuta a conoscenza.
Per il sindacato è inoltre strumentale e sbagliata la proposta espressa dalla stessa onorevole di eliminare l’obbligo di contrattazione sindacale per accedere alla cassa integrazione.
Questo significherebbe indebolire i principi di tutela, assistenza e solidarietà nei confronti dei lavoratori e delle lavoratrici che stanno subendo le conseguenze sociali di questa gravissima crisi sanitaria e che, con i loro contributi mensili, finanziano il fondo per la cassa integrazione.

Cgil, Cisl, Uil, dichiarazioni Meloni pretestuose

Argomenti: CGIL |

Coronavirus: Cgil, Cisl e Uil chiedono incontro urgente a Inps e Ministeri del Lavoro e dell’Economia su ammortizzatori

By Ufficio Stampa CGIL Siena | 26 Marzo, 2020

Coronavirus: Cgil, Cisl e Uil chiedono incontro urgente a Inps e Ministeri del Lavoro e dell’Economia su ammortizzatori

Argomenti: CGIL |

Sciopero: Cgil, è un diritto costituzionale e di legge

By Ufficio Stampa CGIL Siena | 26 Marzo, 2020

Sciopero: Cgil, è un diritto costituzionale e di legge

Argomenti: CGIL |

Coronavirus: Cgil, Fp e Spi, case di riposo contagiate, agire in fretta

By Ufficio Stampa CGIL Siena | 26 Marzo, 2020

Coronavirus: Cgil, Fp e Spi, case di riposo contagiate, agire in fretta

Argomenti: CGIL |

GRAZIE

By Ufficio Stampa CGIL Siena | 26 Marzo, 2020

GRAZIE

Moltissimi lavoratori e lavoratrici delle produzioni non essenziali potranno rimanere a casa ed evitare inutili rischi. Rallentiamo e ci fermiamo oggi per arrestare il contagio e poter ripartire domani. Il nostro sostegno e il ringraziamento più grande va alle donne e agli uomini che continuano ad andare al lavoro. Grazie perché senza di voi il Paese non ce la farebbe.

Qui l’elenco aggiornato delle attività essenziali: https://bit.ly/33MFZ6w

Argomenti: CGIL |

Un risultato essenziale

By Ufficio Stampa CGIL Siena | 25 Marzo, 2020

Covid-19 – Un risultato essenziale MAURIZIO LANDINI: CE L’ABBIAMO FATTA

Al termine del confronto con il governo sul decreto Chiudi Italia e sui settori essenziali, Maurizio Landini parla a lavoratori e lavoratrici. Abbiamo ottenuto un risultato importante. Non lasceremo mai nessuno solo.

25 marzo 2020 ore 13.19 da rassegna.it
L’intesa è arrivata. Sindacati e governo hanno rivisto e ridotto l’elenco delle attività produttive considerate indispensabili per il Paese. Landini in un video: “Abbiamo cambiato l’elenco che era uscito domenica sera, è un passo importante”

“Nel confronto con il governo abbiamo ridotto il numero delle attività essenziali. Abbiamo cambiato l’elenco che era uscito domenica sera. È un risultato importante, perché abbiamo ridotto il numero di persone che dovrà andare a lavorare e abbiamo chiarito quelli che sono i settori essenziali e non è le produzioni che invece, in questo momento, è utile sospendere per la salute e la sicurezza di tutti”. A dirlo è il segretario generale della Cgil Maurizio Landini al termine del lungo confronto tra governo e sindacati sulll’integrazione all’elenco delle aziende essenziali che potranno derogare dallo stop previsto con il Dpcm delle 22 marzo scorso per fronteggiare il coronavirus.

“Tutti quelli che dovranno andare a lavorare nella sanità, nell’agroalimentare, nel commercio, nei trasporti, e anche in alcune attività industriali essenziali – precisa Landini – devono poter lavorare in sicurezza. Sarà nostro impegno non lasciare solo nessun lavoratore e far applicare il protocollo in tutti i posti di lavoro”. Inoltre, “i perfetti in ogni territorio oggi hanno anche l’obbligo di informare di coinvolgere le organizzazioni sindacali per verificare che tutto questo sia applicato”.

A breve ci sarà un incontro a livello nazionale con il governo per monitorare che questo avvenga. “Credo che questo sia un risultato frutto di tutto ciò che Abbiamo fatto in questi giorni”, aggiunge il segretario della Cgil: “Ringrazio davvero tutti quelli che ci hanno sostenuto, che hanno rimesso al centro la salute e la sicurezza di tutti. Credo che sia molto importante per sconfiggere il virus unire questo paese Noi abbiamo bisogno che la paura legittima che oggi c’è non si trasformi in rabbia, e perché questo avvenga abbiamo bisogno che nessuno si senta da solo. Il nostro ruolo sindacale è applicare il protocollo sulla sicurezza, ma essere anche in grado di dire che il paese uscirà da questa crisi se si rimette al centro il lavoro, la sicurezza e soprattutto se tutti insieme proviamo a fare questa battaglia. E vedrete che tutti insieme ce la facciamo. Forza, coraggio e unità – conclude –, è il momento di tirare fuori tutta la nostra intelligenza e tutta la nostra solidarietà”.

Argomenti: CGIL |

Coronavirus: siglato da Cgil, Cisl, Uil e Min. Salute Protocollo per prevenzione e sicurezza dei lavoratori della sanità

By Ufficio Stampa CGIL Siena | 25 Marzo, 2020

Coronavirus: siglato da Cgil, Cisl, Uil e Min. Salute Protocollo per prevenzione e sicurezza dei lavoratori della sanità

Argomenti: CGIL |

Coronavirus: CGIL, CISL e UIL, decise con Governo importanti modifiche a decreto

By Ufficio Stampa CGIL Siena | 25 Marzo, 2020

Coronavirus: Cgil, Cisl, Uil, decise con Governo importanti modifiche a decreto

Argomenti: CGIL |

PROROGA CHIUSURA SPORTELLO SUNIA

By Ufficio Stampa CGIL Siena | 24 Marzo, 2020

ATTENZIONE!

La chiusura al pubblico dello sportello SUNIA di Siena di via Garibaldi è prorogata al 3 aprile compreso,

ma ricordiamo che il SUNIA è comunque contattabile tramite:

Argomenti: sunia |

« Articoli Precedenti Articoli Successivi »