cgil siena

Mamma, ma se lavori che festa è?

By Ufficio Stampa CGIL Siena | aprile 18, 2014

.

APERTURE FESTIVE: SCIOPERO INTERA GIORNATA 25 APRILE e PRIMO MAGGIO

Le Organizzazioni Sindacali di categoria Filcams, Fisascat e Uiltucs Regionali ribadiscono la contrarietà alle aperture delle prossime festività del 25 aprile e Primo maggio e chiedono il rispetto del significato e del valore sociale di dette festività.

Le liberalizzazioni degli orari e le aperture domenicali e festive attuate in questo ultimo anno non hanno portato nessun beneficio all’occupazione, nessun aumento dei consumi, ma hanno aumentato la precarietà e l’assenza di ogni regola minima di concertazione sulla programmazione delle aperture e degli orari di lavoro.

Inoltre riconfermiamo la contrarietà alla liberalizzazione degli orari commerciali previsti dall’art.31 del decreto legge “salva-Italia”, condividendo la raccolta di firme per chiedere la revoca di tale legge.

Esprimono nuovamente la volontà di normare, con il confronto fra le parti sociali e istituzionali, la materia delle aperture domenicali e festive, demandando ai territori, previa concertazione, la loro definizione, per un modello sostenibile del commercio, per città più vivibili, all’insegna della cultura e non del solo consumo, per una maggiore contrattazione in difesa dei più deboli, per la difesa dei valori civili e religiosi che non possono e non debbono essere contrattati. Per questo,

PROCLAMANO LO SCIOPERO PER L’INTERA GIORNATA PER LE PROSSIME FESTIVITA’ del 25 APRILE e PRIMO MAGGIO

                                                                                                    Le segreterie Regionali Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil

Argomenti: FILCAMS |

I lavoratori dell’impresa edile Picciolini – già in cassa integrazione – reclamano le mensilità arretrate

By Ufficio Stampa CGIL Siena | aprile 17, 2014

fillea SienaI lavoratori dell’impresa edile Picciolini – già in cassa integrazione – reclamano le mensilità arretrate

La denuncia della FILLEA CGIL di Siena

Siena, 17 aprile 2014 – Da quasi un anno i lavoratori dell’impresa ‘Picciolini Febo e c. srl’, nel Comune di Sovicille, si trovano a fare i conti con la cassa integrazione, ordinaria prima e straordinaria poi. Al termine di un susseguirsi di incontri fra la Proprietà e le Organizzazioni sindacali, nel luglio 2013 dieci di questi lavoratori sono passati ad una nuova società, l’ ‘Impresa Picciolini Febo srl’, nell’ambito di un accordo d’affitto di ramo d’azienda fra la già esistente ‘Picciolini Febo e c. srl’ e la neo-nata impresa; gli altri diciassette dipendenti hanno iniziato ad intraprendere un difficile periodo di cassa integrazione strardinaria per cessazione d’attività che terminerà nell’agosto 2014 e che li ha portati a non vedersi riconoscere il pagamento delle mensilità arretrate.

“Ad oggi – spiega la FILLEA CGIL di Siena – con la ‘vecchia azienda’ in attesa di presentare concordato preventivo, circa dieci di questi diciassette lavoratori rimasti fuori dalla nuova impresa stanno ancora aspettando di percepire delle mensilità arretrate. Una situazione per molti di loro divenuta insostenibile, anche perchè parte di quelle somme dovrebbero già essere state pagate a fronte di un’istanza presentata dalla stessa impresa al Tribunale di Siena per importi bloccati da alcuni sub-appaltatori: il Tribunale ha infatti già autorizzato, a partire dal dicembre 2013, il pagamento di parte delle somme previste nell’istanza e dovute ai dipendenti”. Continua a leggere questo articolo »

Argomenti: aziende, FILLEA |

FISAC MPS: “Progetti inaccettabili”

By Ufficio Stampa CGIL Siena | aprile 17, 2014

FISAC_logoPROGETTI INACCETTABILI

L’Azienda rifiuta il confronto con il Sindacato e procede sulla strada delle decisioni unilaterali

 In data odierna si è tenuto un incontro in cui l’Azienda ha presentato due progetti a cui intende dare seguito nelle prossime settimane.

Il primo riguarda un nuovo sistema inquadramentale, attraverso il quale l’Azienda intende introdurre degli elementi che corrono il rischio di aumentare la discrezionalità nell’attribuzione degli inquadramenti stessi. La normativa prevista dal CCNL riguardo al tema degli inquadramenti stabilisce criteri oggettivi di assegnazione; riteniamo quindi inaccettabile qualsiasi tentativo di adottare a livello aziendale altri criteri non in linea e cioè essenzialmente legati alle prospettive commerciali delle unità produttive.

L’altro progetto riguarda la decisione aziendale di erogare una “una tantum” diretta a una platea molto ristretta di Lavoratori (meno di un migliaio operanti in 198 strutture di Rete). Si tratta dell’ennesima forzatura operata da parte dal Management che non ha fatto altro che creare divisioni fra i Lavoratori, procedendo unilateralmente, tentando di marginalizzare il Sindacato, azzerando l’impianto normativo aziendale e compromettendo ancora di più il clima aziendale.

Il criterio di erogazione dell’“una tantum” – così definita per aggirare le norme del Contratto Nazionale relative al salario incentivante – sarà legato al raggiungimento del 95% del budget assegnato alla struttura di riferimento. L’importo del premio dovrebbe variare fra un minimo di 1000 e un massimo di 3000 euro; l’Azienda ha esplicitato che comunque da tale erogazione sarà escluso chi ha ricevuto una valutazione di “non adeguato”. Continua a leggere questo articolo »

Argomenti: FISAC, MPS |

1 maggio 2014 in provincia di Siena: le manifestazioni CGIL CISL UIL

By Ufficio Stampa CGIL Siena | aprile 17, 2014

programma 1 MAGGIO 2014 CGIL CISL UIL Siena

Argomenti: CGIL, Primo maggio |

Cgil, dal 2 al 4 maggio a Rimini con le ‘Giornate del Lavoro’

By Ufficio Stampa CGIL Siena | aprile 16, 2014

GL20100x140Cgil, dal 2 al 4 maggio a Rimini con le ‘Giornate del Lavoro’ – da www.cgil.it

15/04/2014 Una tre giorni fatta di dibattiti, eventi e musica, con ospiti della politica, cultura e imprenditoria » manifesto » Intervento Camusso alla conferenza stampaPagina speciale

Una grande manifestazione, di carattere politico e culturale di rilievo nazionale, lunga tre giorni che si terrà a Rimini dal 2 al 4 maggio dal titolo le ‘Giornate del Lavoro’. A organizzarla è la Cgil – alla vigilia del 17° Congresso Nazionale del sindacato ‘Il Lavoro decide il Futuro’ che si terrà dal 6 all’8 maggio sempre nella città romagnola – come un’occasione per mettere al centro il tema del lavoro e dei lavoratori a partire dalle proposte della Cgil, una su tutte il ‘Piano del Lavoro’, attraverso un fitto calendario di appuntamenti, che si snoderanno lungo diversi luoghi della città, fatto di dibattiti, confronti, lectio magistralis e altro ancora, tutti animati da nomi di rilievo della scena istituzionale, economica e culturale italiana, con alcune punte di eccellenza costituite da oratori di fama internazionale.Il programma della intensa tre giorni di kermesse promossa dalla Cgil, presentato oggi in una conferenza stampa a Rimini alla presenza del segretario generale dell’organizzazione sindacale, Susanna Camusso, del segretario della locale Camera del Lavoro, Graziano Urbinati, e del sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, parte venerdì 2 maggio con una particolare ‘cerimonia’ d’apertura. Alle ore 17.30 i suoni e la musica della P-Funking band “indicheranno la strada” da piazza Cavour a piazza Tre Martiri. Qui, dopo i saluti istituzionali, ci saranno altri momenti di intrattenimento con musica, danze e letture. Il tutto accompagnato da pane e pizza, sfornati direttamente in piazza e distribuiti gratuitamente (non solo venerdì ma per tutta la durata dell’iniziativa), grazie alla Flai, la categoria dei lavoratori agroalimentaristi della Cgil. Nella serata di venerdì alle ore 21, presso il Teatro degli Atti in via Cairoli 42, grande evento con l’appuntamento ‘Donne e Potere’: la giornalista de ‘La Repubblica’, Natalia Aspesi, intervisterà il presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini. Continua a leggere questo articolo »

Argomenti: CGIL |

Aggrediti in un cantiere 4 ispettori della Direzione Territoriale del Lavoro di Siena

By Ufficio Stampa CGIL Siena | aprile 15, 2014

Aggrediti in un cantiere 4 ispettori della Direzione Territoriale del Lavoro di Siena

 La FP-CGIL denuncia il grave episodio

Siena, 15 aprile 2014 – Giovedì scorso 4 ispettori del lavoro – 2 ispettrici e 2 ispettori – sono stati aggrediti mentre svolgevano la loro funzione in un cantiere edile sul territorio di competenza, nella provincia di Siena.

Lo rende noto Marco Iacoboni della FP-CGIL Siena.

“Una normale azione ispettiva in un luogo di lavoro dove operano diverse ditte – spiega il sindacalista – Dopo aver chiesto il documento di riconoscimento al titolare di una di queste imprese, che si occupa di scavi e sbancamenti, gli ispettori sono stati pesantemente offesi ed uno di loro è stato aggredito fisicamente: afferrato prima per un braccio, poi per il colletto della camicia e più volte strattonato. L’intervento dei colleghi e delle colleghe e successivamente dei carabinieri, avvertiti dagli stessi ispettori, ha evitato che la situazione degenerasse ulteriormente”. Continua a leggere questo articolo »

Argomenti: FP |

Def: Cgil, c’è un cambiamento significativo ma non la svolta necessaria per il Paese

By Ufficio Stampa CGIL Siena | aprile 14, 2014

SoldiDef: Cgil, c’è un cambiamento significativo ma non la svolta necessaria per il Paese

14/04/2014 da www.cgil.it

“C’è un cambiamento significativo ma non c’è la svolta che noi giudichiamo necessaria per il Paese”. E’ quanto ha affermato il segretario confederale della Cgil, Danilo Barbi, nel corso di un’audizione sul Def di fronte alle Commissioni riunite Bilancio di Camera e Senato.

“Nel Documento di Economia e Finanza – ha sottolineato il dirigente sindacale – si ravvisa un cambiamento nell’analisi della crisi, italiana ed europea, che si traduce nel riconoscimento anche dei vuoti della domanda aggregata e dell’emergenza occupazionale. Questo sembra emergere dalla scelta di spostare il pareggio di bilancio strutturale al 2016 e di stare nei vincoli di finanza pubblica posti dall’Europa anche attraverso alcune misure espansive. Si apprezza un cambiamento nelle politiche fiscali, a partire dai provvedimenti di sostegno al lavoro (compresa l’estensione dell’aumento delle detrazioni Irpef per i redditi da lavoro dipendente, previsto fino a 25 mila euro, anche sotto gli 8 mila euro; ma con l’esclusione dei pensionati) e dall’aumento della tassazione sulle rendite finanziarie al 26% (compreso l’aumento dell’imposizione legata alla rivalutazione delle quote della Banca d’Italia riconsiderate plusvalenze). Si coglie un cambiamento anche nella decisione di istituire un tetto ai manager pubblici e con parte del compenso legato agli obiettivi di crescita del Paese”. Continua a leggere questo articolo »

Argomenti: CGIL |

“POGGIBONSI IERI E OGGI”: presentato il DVD dello SPI CGIL

By Ufficio Stampa CGIL Siena | aprile 14, 2014

SETTE ANNI DI “PROGETTO MEMORIA” IN COLLABORAZIONE CON LE SCUOLE LOCALI

I PENSIONATI RACCONTANO

Sabato 12 APRILE è stato presentato a Poggibonsi il DVD “POGGIBONSI IERI E OGGI”.

Il “Progetto Memoria”, ideato e proposto dallo SPI-CGIL di Siena assieme alla FLC dal 2007, è stato portato avanti dai pensionati di Poggibonsi nelle scuole locali. Il progetto ha sempre avuto come finalità principale quella di preservare e trasmettere alle nuove generazioni un grande patrimonio di tradizioni, antiche saperi del territorio e di valori civili, su cui si è costruita l’attuale realtà e la nostra democrazia. Lo SPI, attraverso la narrazione dei suoi pensionati, ha voluto favorire la riscoperta delle radici di una società in continua evoluzione e delle lotte che nel secolo scorso, anche a livello locale, hanno segnato la conquista di fondamentali diritti dell’uomo. In tal modo è stato incoraggiato un dialogo tra generazioni, che ha consentito un diretto scambio di pensiero e di esperienza e quindi momenti di incontro, di condivisione tra le diverse età. Nel 2013 abbiamo inziato a lavorare ad un progetto particolare, che focalizza ancora l’attenzione sul vissuto degli anziani, ma si avvale di un linguaggio diverso, molto immediato, quello audio-visivo. Così è nata una sintetica raccolta su DVD di testimonianze di pensionati, relative ad un periodo molto importante per Poggibonsi ma non abbastanza conosciuto soprattutto dai più giovani. Il DVD pertanto è “un primo diretto sguardo”, sempre mediato da ricordi ed emozioni personali, su certi significativi cambiamenti socio-economici e di costume che, a partire dall’ultimo dopoguerra, hanno caratterizzato il paese, sottolinendo la forte volontà di ripresa che ha sempre distinto i poggibonsesi anche durante i momenti di crisi attraversati. Ha introdotto i lavori Rossana Bottari dello SPI-CGIL Poggibonsi. Sono intervenuti: Prof. Fabio Dei, Docente Antropologia culturale Università di Pisa, Prof. Manuela Becattelli, Dirigente Istituto Comprensivo 1 di Poggibonsi,  Dott.ssa Susanna Salvadori, Ass. alla Cultura del Comune di Poggibonsi. Ha concluso l’iniziativa Franco Caselli, Segretario Generale SPI-CGIL Siena

SPI CGIL Poggibonsi

Argomenti: pensionati, SPI, valdelsa |

Chiusura sedi 2 maggio

By Ufficio Stampa CGIL Siena | aprile 14, 2014

Venerdì 2 MAGGIO le nostre sedi rimarranno chiuse

riapriranno lunedì 5

Argomenti: camere del lavoro, CGIL |

Camusso, bene il Governo sul fisco, male sul lavoro

By Ufficio Stampa CGIL Siena | aprile 11, 2014

Camusso_13Camusso, bene il Governo sul fisco, male sul lavoro

11/04/2014 da www.cgil.it

Il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, ribadisce il giudizio positivo del sindacato sulle misure fiscali, ma boccia quelle sui contratti a tempo: il problema vero è quello di creare nuovi posti di lavoro.

Quello di Renzi è un governo che “da un lato finalmente restituisce potere d’acquisto ai lavoratori con una riduzione fiscale, ma è un governo che sbaglia nei provvedimenti sul mercato del lavoro perché determineranno un incremento della precarietà”. E’ questo il giudizio ribadito ieri dal segretario generale Cgil, Susanna Camusso, durante la presentazione della biografia di Bruno Buozzi per Ediesse. “L’unico intervento di stimolo all’economia è la restituzione fiscale” ai lavoratori, anche se poi sono stati dimenticati i pensionati. In ogni caso questo intervento da solo “non basta” per rilanciare la crescita perché ci sarebbe la necessità di portare avanti “progetti concreti e di dimensione più significativa di quella indicata, che si aggancino a processi di politica industriale”.

E a proposito delle risposte del ministro Poletti al nuovo allarme lanciato dalla Cgil sulle risorse per la cassa integrazione, la leader della Cgil ha detto ieri che “la risposta del governo è ancora generica e insufficiente, abbiamo regioni nelle quali sono iniziati i licenziamenti”. “Non si può interrompere uno strumento come la Cig in deroga che rappresenta per i lavoratori l’unica forma di sussistenza , ma rimane anche l’unico strumento che riesce a mantenere una prospettiva per l’attività produttiva che altrimenti sarebbe chiusa, servono finanziamenti e che non ci siano cambiamenti in corso d’opera che impediscano l’attuazione degli accordi”.

La situazione occupazionale italiana continua poi a peggiorare e a proposito del rapporto della Bce, la Banca centrale europea, secondo Camusso “è assolutamente evidente che nel nostro Paese la tendenza continua ad essere quella dell’incremento della disoccupazione, sia per chi esce dal mercato del lavoro sia soprattutto, per intensità e dimensione, per i giovani”. Il problema centrale è dunque quello della creazione di lavoro: “limitarsi ad aspettare che riprendano gli investimenti da parte delle imprese non è una ricetta positiva”

Argomenti: CGIL |

« Articoli Precedenti