cgil siena

#save194

By Ufficio Stampa CGIL Siena | maggio 22, 2018

da fb  CGIL Confederazione Generale Italiana del Lavoro

❌ 40 anni fa, il 22 maggio del 1978, anche il nostro Paese riconosceva l’importanza della maternità responsabile e il diritto delle donne a dire l’ultima parola sul proprio corpo. Una conquista delle donne che scesero nelle piazze e che unite fecero sentire la loro voce in Parlamento. Eppure, sarebbe limitante ricordare la 194 solo come la legge che ha legalizzato l’interruzione volontaria di gravidanza perché è innanzitutto la norma che prevede l’istituzione dei consultori pubblici, gratuiti, ai quali rivolgersi per la contraccezione, per essere informati e seguiti. Per essere consapevoli. Una legge di civiltà che oggi viene continuamente messa sotto attacco. Per questo insieme ad una numerosa rappresentanza di donne delle associazioni e della società civile vi chiediamo di firmare la lettera alla parlamentari “Le donne sono qui”. Perché indietro non si torna!
✍️ https://bit.ly/2rSbPgi

Argomenti: CGIL |

INCA CGIL: IL MARTEDI’ ORARIO CONTINUATO A SIENA

By Ufficio Stampa CGIL Siena | maggio 22, 2018

PATRONATO INCA CGIL:

IL MARTEDI’ ORARIO CONTINUATO A SIENA

 

Ricordiamo che

 

IL MARTEDI’ il Patronato INCA CGIL

della sede di Siena (La Lizza 11)

effettua orario continuato 8.30-18.30

Argomenti: CGIL, INCA, patronato, servizi |

Delega lavoratori

By Ufficio Stampa CGIL Siena | maggio 21, 2018

CGIL delega 2018

Argomenti: CGIL |

Donne scrivono alle parlamentari per difendere la Legge 194

By Ufficio Stampa CGIL Siena | maggio 21, 2018

da fb CGIL Confederazione Generale Italiana del Lavoro

La #Cgil insieme a una vasta rete di donne scrive alle parlamentari in occasione dei 40 anni della #legge194 , pronunciandosi contro i reiterati attacchi alla legge e alla sua applicazione.
La lettera 👉 bit.ly/2rTywkn
✍️ Firmala anche tu
bit.ly/2rSbPgi

Argomenti: CGIL |

Incidenti lavoro: Camusso, superato limite sopportazione. Parlamento prenda la parola su questo tema.

By Ufficio Stampa CGIL Siena | maggio 18, 2018

Incidenti lavoro: Camusso, superato limite sopportazione. Parlamento prenda la parola su questo tema.
“Si è superato qualsiasi qualunque limite di sopportazione è una strage continua. La parola emergenza nazionale ormai è riduttiva rispetto a quanto sta avvenendo”. Lo ha detto la segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso, a margine dell’assemblea dei pensionati dello Spi Cgil a proposito dell’infortunio mortale avvenuto ieri a Taranto nel quale ha perso la vita un operaio di un’azienda dell’indotto dell’Ilva. “C’è bisogno – ha concluso – che il Parlamento prenda la parola” su questo tema.

Notizia del: ven 18 mag, 2018 da www.cgiltoscana.it

Argomenti: CGIL |

Infortuni: Cgil, Cisl, Uil, prossima settimana assemblee e 2 ore di sciopero

By Ufficio Stampa CGIL Siena | maggio 18, 2018

Infortuni: Cgil, Cisl, Uil, prossima settimana assemblee e 2 ore di sciopero
Pubblicato il 17/05/2018 da www.cgil.it

COMUNICATO STAMPA UNITARIO CGIL, CISL, UIL
Roma, 17 maggio – Ancora un morto sul lavoro, ancora una vita spezzata che allunga quella che ormai va assumendo le dimensioni di una strage.
Le Istituzioni non possono assistere con indifferenza, l’intero Paese deve mobilitarsi, devono farlo tutti coloro che hanno responsabilità in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro.
Cgil, Cisl, Uil hanno elaborato una piattaforma unitaria per combattere gli infortuni, le malattie professionali e promuovere il diritto alla tutela della salute e sicurezza sul lavoro, sollecitando tutto il Paese dalle piazze del Primo Maggio a condividerne gli obiettivi.
Di fronte al ripetersi dei nuovi gravi infortuni mortali e non, non basta più la denuncia, ma occorre intensificare la mobilitazione nel Paese.
Cgil, Cisl, Uil lanciano una vasta campagna di assemblee in tutti i luoghi di lavoro, da realizzarsi a partire dalla prossima settimana, con l’obiettivo di definire piattaforme aziendali in materia di sicurezza, che le categorie potranno sostenere anche attraverso 2 ore di sciopero a partire dai settori più colpiti, come ulteriore forma di denuncia e di mobilitazione.

Argomenti: CGIL |

#Bastamortisullavoro

By Ufficio Stampa CGIL Siena | maggio 17, 2018

da fb CGIL Confederazione Generale Italiana del Lavoro

Un’altra giornata funestata da una tragedia sul lavoro. Un altro lavoratore degli appalti ha perso la vita per un incidente all’Ilva di Taranto.
Siamo sconsolati dai silenzi di Confindustria e della politica. Con Cisl e Uil stiamo pensando a uno sciopero sulla sicurezza e a una piattaforma unitaria che non sono parole in sindacalese ma gli strumenti della nostra lotta e per i nostri diritti. #Bastamortisullavoro

Argomenti: CGIL |

Ancora un incidente mortale sul lavoro, ancora un’impresa in appalto.

By Ufficio Stampa CGIL Siena | maggio 17, 2018

da fb CGIL Confederazione Generale Italiana del Lavoro
Ancora un incidente mortale sul lavoro, ancora un’impresa in appalto. #Bastamortisullavoro

da fb rassegna.it

Si tratta di Angelo Fuggiano, 28 anni, dipendente della Ferplast travolto da un cavo saltato nella fase di ancoraggio. Fim, Fiom, Uilm e Usb proclamano lo sciopero immediato: l’indotto è in una situazione di costante precarietà.

http://www.rassegna.it/articoli/ilva-ancora-una-tragedia-muore-operaio-in-appalto

Argomenti: CGIL |

No a flat tax e condoni

By Ufficio Stampa CGIL Siena | maggio 16, 2018

da fb CGIL Confederazione Generale Italiana del Lavoro

👉 No a flat tax e condoni e
👉 riforma organica del sistema previdenziale che ripristini flessibilità e dia risposte ai giovani. Per noi sono i punti centrali attorno ai quali dovrebbe svilupparsi il DEF, il Documento di economia e finanza che invece appare privo di elementi programmatici. Un documento tecnico, che si limita alla descrizione dell’evoluzione economico-finanziaria, e che va nella direzione sbagliata”. Così la Cgil Nazionale audita quest’oggi dalle Commissioni speciali riunite.

Nella memoria che abbiamo consegnato oggi e che è stata illustrata dalla segretaria confederale della Cgil Gianna Fracassi, si sottolinea come “il compito che spetta al nuovo esecutivo non è semplicemente di scegliere le politiche che determineranno il nuovo quadro programmatico, bensì di deviare o meno da quel ‘sentiero stretto’ di austerità, flessibilità condizionata e svalutazione competitiva perseguito dal 2010 a oggi, che affida la crescita alle sole forze di mercato”. Un sentiero che “il Governo uscente suggerisce di perseguire con politiche di impronta liberista, senza affrontare il problema dei nodi strutturali del Paese: riduzione povertà e disuguaglianze sociali e territoriali; piena e buona occupazione a partire da un Piano straordinario per la creazione di lavoro e dall’approvazione della Carta dei diritti universali; rafforzamento della spesa pubblica; lotta all’evasione e sistema fiscale più equo e progressivo, quindi no a flat tax e condoni; nuova riforma organica del sistema previdenziale che ripristini flessibilità e dia risposte ai giovani”.

Per noi invece “occorre rovesciare la prospettiva di gestione dei conti pubblici dando priorità alla crescita e allo sviluppo”, per questo, in occasione dell’audizione, rilancia il suo Piano del Lavoro: “una strategia di sostegno della domanda attraverso l’incremento di investimenti e redditi da lavoro, quindi consumi e beni collettivi”. Il Piano “propone di agire attraverso politiche di selezione, attivazione e qualificazione dell’offerta del sistema economico-produttivo, individuando progetti prioritari con i quali diffondere innovazione e promuovere lo sviluppo sostenibile e affrontare il nodo delle politiche industriali attraverso la costituzione di un’Agenzia per lo sviluppo industriale”.

La memoria in versione integrale ↙️
https://bit.ly/2L38bZh

Argomenti: CGIL |

Enoteca Italiana: i sindacati hanno chiesto un nuovo incontro alla Regione Toscana

By Ufficio Stampa CGIL Siena | maggio 15, 2018

ENOTECA ITALIANA: I SINDACATI HANNO CHIESTO UN NUOVO INCONTRO ALLA REGIONE TOSCANA

FILCAMS CGIL e FISASCAT CISL: “Alla prova è il ‘buon governo’, per dare risposte concrete e in tempi adeguati agli ex dipendenti”

Siena, 15 maggio 2018 – Sono passati quasi due mesi dalla chiusura ufficiale dell’Ente Mostra Vini – Enoteca Italiana e dal licenziamento dei dipendenti, e la vicenda registra un immobilismo assoluto.
È partita la liquidazione? Come viene gestita? Come si sta ponendo la compagine societaria pubblica rispetto ad essa? Si è capita finalmente l’entità della voragine finanziaria? Verranno mai individuate le responsabilità?
Le risposte a queste e ad altre domande non possono che essere date dagli attori principali di questa vicenda, ovvero i soci fondatori – Regione Toscana, Comune di Siena, Camera di Commercio ed Amministrazione provinciale – che quell’Ente l’hanno voluto, fondato, sostenuto ed amministrato fino alla dissolvenza.
Per questo motivo le organizzazioni sindacali FILCAMS CGIL e FISASCAT CISL hanno richiesto un nuovo incontro in Regione Toscana che chiarisca il percorso della liquidazione stessa e che dia garanzie certe agli ex dipendenti, al momento senza lavoro e ancora senza un centesimo delle loro legittime spettanze: il recupero degli stipendi di quasi un anno, i contributi non versati e i Tfr non accantonati.
L’auspicio è che in questa ultima, tragica fase i soci diano un esempio di “buon governo”, non dimenticando che si sta parlando di un Ente che ha gestito da sempre fondi pubblici nazionali e regionali per la promozione del vino in Italia e all’estero, riversati anche sul territorio.
La speranza è ancora che non si faccia finta che novant’anni di storia non siano mai esistiti e che, soprattutto, non si decida insensatamente di far pagare le conseguenze dell’intera vicenda a coloro che le decisioni le hanno solo subite loro malgrado: gli ex dipendenti e le loro famiglie.
Alla prova, dunque, è il “buon governo”, per dare risposte concrete in tempi adeguati. È giunto il momento!

FILCAMS CGIL e FISASCAT CISL Siena

Argomenti: FILCAMS |

« Articoli Precedenti