cgil siena

LA CASA DELLA SALUTE A COLLE DI VAL D’ELSA

By Ufficio Stampa CGIL Siena | Febbraio 20, 2019

LA CASA DELLA SALUTE A COLLE DI VAL D’ELSA

Anche l’Agenzia INPS come obiettivo condiviso da Amministrazione colligiana e Sindacati nel verbale di incontro sul Bilancio 2019

Colle di Val d’Elsa, 20.02.19 – Negli scorsi giorni si è svolto il confronto tra le organizzazioni sindacali dei pensionati Spi Cgil e Fnp Cisl ed il Comune di Colle di Val d’Elsa sulle linee del bilancio di previsione per il 2019, conclusosi con un verbale approvato da ambedue le parti.

Accanto ai temi relativi al bilancio, tra cui le imposte locali e le tariffe di compartecipazione per i servizi gestiti dal Comune (asilo, mensa e trasporto scolastico), per i quali l’ente locale ha comunicato che non saranno modificate rispetto a quelle già in vigore, sono state affrontate anche delle questioni importanti per la città e per l’intera zona valdelsana.

Il documento sottoscritto evidenzia l’importanza del servizio fornito dall’Agenzia locale dell’INPS, quanto esso sia fondamentale per tutta la popolazione della zona e che devono essere effettuati tutti i passi necessari per garantire la sua permanenza a Colle. Con il prossimo mese di settembre scade il contratto di affitto dell’edificio che ospita attualmente l’Agenzia e la proposta avanzata dal Comune di riservare parte di locali di proprietà quale nuova sede degli uffici INPS viene salutata come possibile positiva conclusione della ricerca di una nuova sede. Come organizzazioni sindacali continueremo a premere sull’Istituto perché accolga la proposta, ma nel contempo rileviamo che è importante ma non decisivo risolvere il problema logistico, non si può dimenticare la tragica carenza di personale ed occorre che l’INPS intervenga rapidamente.

Un altro fondamentale capitolo su cui si è trovata una totale condivisione è stato quello relativo al recupero ed utilizzo dell’edificio ex INAM di via XXV Aprile, da anni oramai lasciato all’abbandono quasi totale da parte della ASL che ne è proprietaria. Si è sottolineato consensualmente che non si può più accettare che questo fabbricato enorme, collocato nel centro della città, venga lasciato in uno stato di progressivo degrado. Sia l’Amministrazione comunale che Spi Cgil e Fnp Cisl concordano sull’esigenza che la ASL si prenda le proprie responsabilità e decida definitivamente l’utilizzo di questo immobile.

Vista la carenza di servizi socio sanitari territoriali, Amministrazione e organizzazioni sindacali hanno indicato quale destinazione d’uso quella di adibire il palazzo a “casa della salute”, una struttura pubblica indispensabile per il miglioramento delle prestazioni rivolte all’intera popolazione di Colle. Nella casa della salute infatti è prevista la presenza dei medici di famiglia, affiancati dagli specialisti convenzionati e dalla attività infermieristica, l’assistenza sociale per la condivisione dei percorsi assistenziali, specie se rivolti ai malati cronici, la diagnostica di 1° livello, attività di riabilitazione, il consultorio e l’avviamento del progetto “dove si prescrive si prenota” come a Poggibonsi. Tutte prestazioni garantite dal Servizio Sanitario in maniera gratuita, salvo l’eventuale ticket, senza doversi recare presso ambulatori privati e pagare di tasca propria la relativa parcella.

Ora la palla passa ai Sindaci della zona, alla Società della Salute dell’Alta Valdelsa e alla ASL, che dovranno prendere in esame questa importante e innovativa proposta. Spi Cgil e Fnp Cisl opereranno perché venga presa rapidamente una decisione e sottolineano che l’apertura di nuove case della salute nel territorio è un indirizzo stabilito dal nuovo Piano Socio Sanitario della Regione Toscana 2018-2020 che individua tale struttura come momento fondante per l’assistenza primaria ai cittadini.

Spi Cgil e Fnp Cisl

Argomenti: pensionati, SPI, valdelsa |

Oggi UVL Monteroni d’Arbia chiuso

By Ufficio Stampa CGIL Siena | Febbraio 20, 2019

ATTENZIONE!

Oggi pomeriggio

l’Ufficio Vertenze Legali di Monteroni d’Arbia

rimarrà chiuso

Argomenti: CGIL, servizi, Ufficio vertenze |

FP CGIL su arresto nido domiciliare: ferma condanna e solidarietà a famiglie ed educatori

By Ufficio Stampa CGIL Siena | Febbraio 19, 2019

FP CGIL su arresto nido domiciliare: ferma condanna e solidarietà a famiglie ed educatori

Siena, 19 febbraio 2019 – L’arresto dell’educatrice per maltrattamenti ai bambini nel nido domiciliare da lei condotto nella nostra città ci sgomenta e ci impone una riflessione. Purtroppo già nel 2016 fu trovato un nido domiciliare abusivo in pessime condizioni igienico sanitarie chiuso dopo una perquisizione della polizia municipale.
I nidi domiciliari, pur se previsti dalla legge regionale, mal si coniugano con i percorsi educativi che si possono trovare nel nido concepito a più sezioni, con bambini e gruppo di lavoro composto da educatori, custodi, cuoche e coordinamento pedagogico. In questi nidi si ha una formazione continua ed obbligatoria e il gruppo di lavoro viene costantemente monitorato dalla pedagogista sia dal punto di vista didattico che di relazioni interpersonali.
Il nido domiciliare, pur nel rispetto delle regole vigenti, offre alle famiglie un mero babysitteraggio. I maltrattamenti poi ne sono una tragica aberrazione e non può esserci nessuna indulgenza verso chi li pratica.
Per prevenire i casi di maltrattamenti è fondamentale l’intervento del Pubblico, sia come gestore dei servizi che come controllore dei servizi accreditati. Occorre mettere al centro delle Politiche per l’infanzia il bambino, che va aiutato e tutelato nel suo percorso di crescita. Per far ciò nei nidi va mantenuto costante il rapporto educatore/bambini, l’invio di supplenti così da sostituire il personale assente e una giusta compresenza. Occorrono monitoraggi assidui sullo stato di stress del personale, che solo un coordinamento pedagogico attento e competente può assicurare.
Tutto questo fa parte della qualità di un servizio.
Purtroppo troppo spesso i Comuni disinvestono nell’infanzia, attenti soprattutto alle politiche economiche, con politiche di esternalizzazioni, mancanza di assunzioni e carenza di supplenti, dimenticando che l’investimento maggiore è quello che si fa sui bambini di oggi, futuri cittadini di domani.
La FP CGIL di Siena ringrazia le Forze dell’Ordine per il lavoro svolto, è vicina alle famiglie ed alle migliaia di educatori che svolgono con competenza e abnegazione questo lavoro e che vengono travolti dal fango quando la cronaca riporta questi terribili avvenimenti.

FP CGIL Siena

Argomenti: asili, FP |

LAVORATORI AZIENDA USL TOSCANA SUD EST: VERSO LO STATO DI AGITAZIONE

By Ufficio Stampa CGIL Siena | Febbraio 19, 2019

LAVORATORI AZIENDA USL TOSCANA SUD EST: VERSO LO STATO DI AGITAZIONE

19 febbraio 2019 – Le promesse non bastano più. Il personale è in difficoltà, cosi come i servizi.

Chi è in prima linea tutti i giorni lo sa bene. E lo sanno bene i cittadini che ogni giorno hanno sotto gli occhi la situazione della nostra sanità.

Abbiamo chiesto da tempo di potenziare il personale. Inutile tentare di dimostrare sulla carta che i numeri ci sono. Nella realtà funziona diversamente: assenze lunghe, abuso di personale interinale, tentativi di coprire i “buchi” con doppi turni e soluzioni che a volte sfiorano l’inosservanza del CCNL. Si aggiungano procedure di mobilità interminabili a causa delle modalità incerte di assegnazione del posto. Già, perché un lavoratore che chiede la mobilità per l’Area Vasta Sud Est può vedersi proporre un posto di lavoro a 100 km da casa ed il paradosso è che invece di avvicinarsi potrebbe allontanarsi, con il risultato che molte sono le rinunce con le conseguenze che tutti possiamo facilmente intuire. E’ chiaro che manca totalmente la capacità di programmazione e di visione a medio termine. Anche per medici e dirigenza tecnico amministrativa la situazione non è dissimile e al momento abbiamo la sensazione di stare su una barca senza controllo.

A questo si aggiunga che da tempo assistiamo al balletto delle nomine dei vertici della Direzione che di certo non aiuta a rasserenare gli animi e che contribuisce a creare incertezze senza dare soluzioni.

A noi non interessa chi governerà l’Azienda, ma come la governerà.

I lavoratori hanno bisogno di risposte immediate. Manca il personale. Manca l’organizzazione. Manca la programmazione. Che non vuol dire che non ci siano le carte, ma che le ricadute reali sono inefficaci. Sono cioè mancanti.

Diciamo basta ai proclami e basta credere che tutto si risolverà magicamente. Vogliamo che vengano assunte le responsabilità manageriali e politiche di questo stato di cose.

Abbiamo chiesto un incontro urgente alla Direzione. Questa volta non bastano le promesse. Vogliamo date e numeri e soluzioni reali.

Intanto invitiamo i lavoratori, le lavoratrici, i cittadini a seguire gli sviluppi di questi giorni, perché se non otterremo le risposte che chiediamo andremo allo stato di agitazione e poi allo sciopero dei lavoratori della Sanità della Azienda Usl Toscana Sud Est e questa volta chiederemo il sostegno anche della cittadinanza, che non deve essere un soggetto passivo di politiche aziendali lontane dagli interessi pubblici.

FP CGIL – FP CISL – FPL UIL Azienda Usl Toscana Sud Est

Argomenti: FP, sanità |

15 MARZO SCIOPERO GENERALE COSTRUZIONI

By Ufficio Stampa CGIL Siena | Febbraio 18, 2019

Argomenti: FILLEA, scioperi |

25 febbraio: chiusura Ufficio Vertenze di Siena

By Ufficio Stampa CGIL Siena | Febbraio 18, 2019

ATTENZIONE!

Lunedì 25 FEBBRAIO

l’UFFICIO VERTENZE LEGALI della SEDE di SIENA

(la Lizza, 11)

rimarrà CHIUSO

Argomenti: CGIL, servizi, Ufficio vertenze |

“IL LATINO E LE SFIDE DEL PRESENTE PER UNA DIDATTICA NEL III MILLENNIO”

By Ufficio Stampa CGIL Siena | Febbraio 16, 2019

“IL LATINO E LE SFIDE DEL PRESENTE PER UNA DIDATTICA NEL III MILLENNIO”

Convegno organizzato da Proteo Fare Sapere Siena

Siena, 16 febbraio 2019 – Giovedì 21 febbraio 2019, presso il liceo scientifico di Siena «G. Galilei», si svolgerà, dalle ore 10 alle 18, il secondo convegno dedicato alla didattica del latino, promosso e organizzato da Proteo Fare Sapere di Siena.

L’iniziativa, che nasce dalla convergenza di interessi di un gruppo di docenti e dirigenti, vuole essere un’occasione per affrontare e discutere un problema sicuramente annoso: la didattica del latino. In un momento che vede tutta la scuola interrogarsi intorno ai propri metodi e tentare, almeno, di rinnovarsi, è necessario fare il punto su una materia scolastica che, proprio per la sua natura, è concentrata sul passato.

Il convegno, dopo i saluti del Preside ospite, il prof. Alfredo Stefanelli, e una presentazione a cura del comitato scientifico e promotore (di cui fanno parte i proff. Lorenzo Micheli, Sabrina Pirri, Alessandra Vannozzi e Raffaele Giannetti), entrerà nel vivo dei lavori con una prolusione del prof. Alessandro Fo (Università di Siena) dal suggestivo titolo “Tradurre l’intraducibile: la sfida di Catullo”. Seguirà un intermezzo musicale dedicato proprio allo stesso Catullo: gli studenti del Liceo musicale «E.S. Piccolomini» eseguiranno, per la direzione del M. Leonardo Giomarelli, alcuni dei Catulli Carmina di Carl Orff (tenore il M. Marco Rencinai). Sarà poi la volta dei contributi di due docenti delle Università di Venezia e Firenze, i proff. Alessandro Iannella e Rossella Iovino, incentrati rispettivamente sulle prospettive digitali e sulla linguistica.

Nel pomeriggio, dopo la pausa, sarà il prof. Paolo Conti a rendere quella latina una letteratura comparata, mentre il prof. Andrea Giambetti svolgerà il tema, necessariamente più filosofico, della traduzione come sfida etica. A conclusione degli interventi specialistici, la prof.ssa Sabrina Pirri svolgerà un tema a lei caro che vede implicati il latino e l’inglese, la letteratura antica e la sua fortuna, ovvero le sue metamorfosi: Ovidius Redux. Dopo il dibattito, le conclusioni a cura del prof. Antonio Vannini.

 Dal programma emergono chiaramente sia l’intento di strappare il latino alla sua solitudine per ricollocarlo in un contesto più ampio, sia la consapevolezza, cresciuta rapidamente in questi ultimi anni, che non si tratta qui soltanto di una materia scolastica fra le altre, ma di uno strumento, decisamente unico e prezioso, per viaggiare nel tempo e nello spazio anche attraverso le varie lingue contemporanee, fra le quali, in primis, la nostra (che del latino ha tanto bisogno).

Argomenti: scuola |

FILCAMS CGIL Siena: eletta la nuova Segreteria

By Ufficio Stampa CGIL Siena | Febbraio 15, 2019

FILCAMS CGIL SIENA: ELETTA LA NUOVA SEGRETERIA

Sinalunga, 15 febbraio 2019 – L’Assemblea Generale della FILCAMS CGIL di Siena, riunitasi oggi presso la Camera del Lavoro di Sinalunga, ha eletto i componenti della nuova Segreteria: Bernardini Samuele, Canapini Valentina, Di Gioia Mariano, Milani Stefania, Trabalzini Michele.

La FILCAMS, il sindacato dei lavoratori del commercio, turismo e servizi, è guidata dalla Segretaria provinciale Daniela Spiganti.

Argomenti: FILCAMS |

CONCLUSA LA CONCERTAZIONE SOCIALE TRA COMUNE DI ASCIANO E SINDACATI

By Ufficio Stampa CGIL Siena | Febbraio 15, 2019

CONCLUSA LA CONCERTAZIONE SOCIALE TRA COMUNE DI ASCIANO E SINDACATI

Asciano, 15 febbraio 2019 – In questo inizio d’anno CGIL, CISL e UIL sono impegnate nella contrattazione sociale con i Comuni sul bilancio 2019, con l’obiettivo di migliorare i servizi sociali e sanitari rivolti ai cittadini.

La Lega SPI CGIL delle Crete-Valdarbia valuta positivamente l’esito del confronto svoltosi tra l’Amministrazione comunale di Asciano e le organizzazioni sindacali e conclusosi con la firma di un verbale di accordo in cui sono stati trattati i seguenti punti:

– l’impegno, anche per l’anno 2019, a non modificare le imposte comunali (IMU, TASI e Addizionale IRPEF), così come la conferma delle tariffe dei servizi a compartecipazione gestiti dal Comune: la mensa per la scuola primaria e l’infanzia, nonché il trasporto scolastico degli alunni.

– una verifica, entro la fine dell’anno, sulla possibilità di aumentare l’esenzione dell’addizionale per i redditi da lavoro dipendente e pensione sino a 10.000 €, oggi ferma a 8.500.

– il proseguimento da parte dell’Amministrazione del contrasto all’evasione fiscale ed al mancato pagamento dei tributi locali, che ha permesso di scoprire mancati introiti pari a 440.000 € e l’attivazione delle procedure per il loro recupero.

– il mantenimento dell’esenzione dal pagamento della TARI per i nuclei familiari con ISEE sino a 8.000 € e la riduzione al 50% per quelli con ISEE sino a 10.500 €.

Inoltre ambedue le parti ribadiscono l’importanza della permanenza della RSA, sia per il servizio di assistenza offerto sia per la salvaguardia dei livelli occupazionali, e condividono di sollecitare la ASL a chiarire le prospettive future di tale fondamentale compito rivolto alle persone non autosufficienti.

E’ stato inoltre rimarcato il mancato avvio della “medicina di iniziativa” da parte dei medici di famiglia operanti nella zona. Una metodologia che potrebbe essere di aiuto nella cura delle malattie croniche che colpiscono essenzialmente gli anziani: scompenso, ipertensione, broncopneumopatia e diabete. Le parti sottolineano la necessità che venga trovata una soluzione, insieme alla ASL, per l’utilizzo degli spazi dell’ex distretto sanitario, ove collocare studi associati dei medici di famiglia ed attivare il progetto “dove si prescrive si prenota” nonché attività specialistiche.

La Lega SPI CGIL dei pensionati delle Crete-Valdarbia si impegna a coinvolgere tutta la cittadinanza affinché tali obiettivi trovino realizzazione al più presto, ponendo rimedio alla carenza dei servizi socio-sanitari che riguarda l’intera zona.

 Lega SPI CGIL Crete-Valdarbia

Argomenti: SPI |

Autonomia: Cgil, contrasteremo provvedimenti che aumentano disuguaglianze

By Ufficio Stampa CGIL Siena | Febbraio 14, 2019

da fb CGIL Confederazione Generale Italiana del Lavoro

⛔️ Autonomia differenziata? Il nome giusto è SpaccaItalia. Oggi il Consiglio dei ministri discuterà l’ampliamento dell’autonomia per alcune regioni. Secondo dove vivi, rischi di essere un cittadino di 🔺serie A o🔻serie B su diritti fondamentali:
✔️istruzione
✔️sanità
✔️ lavoro
✔️ ambiente
Noi diciamo NO all’
AutonomiaDifferenziata che poi è solo un bello slogan per dire secessione. ⤵️
Leggi la nota integrale
👉 https://bit.ly/2DFT30N

Argomenti: CGIL |

« Articoli Precedenti